Giovedì, 19 Novembre 2015 20:00

Marechiaro è più verde dopo la festa dell'albero!

Festosa e ricca di spunti di riflessione, anche quest'anno, l'edizione della Festa dell'Albero che il circolo Legambiente di Taranto ha organizzato in località Marechiaro, San Vito (nella galleria immagini trovate qualche testimonianzaTanti i volontari , non solo di Legambiente, che hanno piantumato  numerose essenze sulla base del progetto  predisposto da Valentino Traversa, dottore forestale, consulente dell'Osservatorio europeo del paesaggio, socio di Legambiente, che ha messo a disposizione le sue competenze a titolo volontaristico.

Abbiamo realizzato una fascia frangivento di protezione costituita da tamerici,  cespugli di fillirea e di ginepro coccolone della larghezza di 5 metri con una densità di 15 piante ogni 100 metri quadrati seguita da un'area di circa 1000 metri quadrati in cui abbiamo messo a dimora pini d'Aleppo.
Complessivamente l'intervento ha visto la piantumazione di 6 tamerici20 piante di fillirea, 25 di ginepro coccolone, 20 pini d'Aleppo e di 5 piante di pino domestico posizionate lungo il tratto interessato più lontano dal mare.
La riqualificazione a verde dell'area è stata resa possibile anche grazie -  in primo luogo - al contributo dell'amministrazione comunale di Taranto,  che ha fornito una parte delle essenze e completerà la realizzazione di una staccionata di protezione, e poi   dell'Amiu  che ha scavato le buche per le piante e dell'Arif, l'Agenzia regionale per le attività irrigue e forestali, che ha fornito altre essenze.

Ci sembra importante sottolineare la partecipazione all'iniziativa degli studenti richiedenti asilo del Centro provinciale di istruzione per adulti, accompagnati dalla dirigente  Patrizia Capobianco e dalla docente Viviana Galluzzo.  Non solo per il contributo concreto alle attività di piantumazione, ma per le loro riflessioni, affidate a  fogli di quaderno,  in merito ai fatti tragici che stiamo vivendo:  "Pace e amore. Basta Guerra" , "Buongiorno a tutti. In  Francia c'è una guerra molto pericolosa. Mi dispiace per la Francia. A me non mi piace la guerra. Adesso basta guerra", "Vogliate la pace nel mondo. Siamo tutti fratelli e sorelle", "Mi dispiace per la Francia. A me non piace la guerra", "We all say capital NO to attack in Paris. Say peace all over the world"

Davvero non c'è niente da aggiungere.

Articoli correlati

Legambiente, Circolo di Taranto - Via Temenide 30/A • Web Agency: Capera.it

Privacy Policy | Cookie Policy